CONSIGLI UTILI PER VIAGGIARE LONTANO LONTANO

La Cri - 9 maggio 2017

travel

Amo viaggiare. E mi chiedo chi, se non ci fossero problemi di soldi e lavoro, non farebbe altrettanto.

Amo scoprire e andare alla ricerca di posti nuovi. E mi chiedo chi, se non ci fossero stanchezza e preoccupazioni, non farebbe altrettanto.

Ma soldi, stanchezza, lavoro e preoccupazioni sono problemi reali, che tanta gente affronta ogni giorno. Inutile raccontarcela. Non sempre VOLERE è POTERE. Le priorità si alternano, si mischiano e quello che vorresti ora potrai tra un po’o non potrai come vorresti. La cosa che però non deve mancare mai è la voglia di vedere cosa c’è oltre, la stessa che ti fa camminare in quel modo tutto tuo senza fermarti mai.

Per questo io, QUOTIDIANAMENTE, prendo i poldini e insieme a loro VIAGGIO LONTANO LONTANO.

Ecco qui alcuni consigli utili per intraprendere questi tipi di viaggi:

COSA SERVE

Per fare un intercontinentale servono soldi e tanti km, per viaggiare lontano lontano no.

Bastano curiosità, una buona dose di fantasia e immaginazione. Non devono mancare la disponibilità a sporcarsi, affrontare paure, cadute e ostacoli.

LA VALIGIA

travel with kids

Nessun trolley, nessuna fila per imbarcare bagagli. Basta uno zaino come bagaglio a mano. Se si viaggia lontano lontano con bambini indispensabile avere con sè: fazzoletti, snacks, libri piccolini, pennarelli, cambio vestiti, tanta pazienza e via che si va. Nella tasca laterale di sinistra sarà utile un cannocchiale, vero o simulato con le mani, in quello di destra una bacchetta magica potrà risultare ottima come “RISOLVI-PROBLEMI”. In quella centrale la mappa da seguire.

travel with kids

POSTI MIGLIORI

Ovunque. Un marciapiede maltrattato, un sentiero in un parco, una tenda immaginata o una vera costruita con sedie e lenzuola. Un autobus o una macchina. Un lettino o un vasino. Per viaggiare lontano lontano non c’è limite di spazio. Ogni luogo è perfetto e adatto alla vostra avventura.

PERIODO MIGLIORE

Dipende dalla destinazione del momento. Per i viaggi lontano lontano nei parchi primavera e estate sono perfette. Per quelli nei vicoli della città vanno bene anche autunno e inverno. Per le tende in casa e i viaggi sul lettino con un libro in mano l’orario serale è uno dei migliori. Per i viaggi lontano lontano che prevedono sorprese scrutando dai finestrini l’alba e il tramonto sono ideali.

PASSAPORTO

Non serve. Non è richiesto documento alcuno. Ma tutti i viaggi lontano lontano che si fanno prevedono una regola: la manina all’inizio e un bacino alla fine.

Per questi tipi di viaggi sono fiera di poter dire di avere due figli globetrotter. Abbiamo visitato tanta parte di mondo. Inventato, reale, immaginato o ispirato. Non finiranno mai i posti da vedere e continueremo imperterriti a scoprirli. Leggendo, raccontando, camminando e chiudendo gli occhi.

 

 

Arriverà il periodo, io ci credo, anche per i viaggi veri, quelli reali, che prevedono aerei, confini e fusorari. E spero che la vità che riusciranno a costruirsi i poldini permetterà loro altrettanto.

Ma quello che non devo sperare perché già sta succedendo è che riescano a partire con lo stesso zaino con cui partiamo adesso, ogni giorno.

Quello che non devo sperare, perché già sta accadendo, è che crescano con la curiosità negli occhi, l’immaginazione in testa, l’adrenalina nel cuore.

Sto facendo bene, almeno in questo, io lo so.

adventure

Ora scusate, ma ho un aereo diretto per un viaggio lontano lontano che mi aspetta.

Evviva i Poldini, evviva gli zaini.

 

 

Leave a comment