PENSIERI DA OMINOUOVO

CHE CONFUSIONE, SARÀ PERCHÈ CI TRASFERIAMO (credo)

La Cri - 10 gennaio 2017

Siamo tornati alla nostra incasinatissima e indomabile routine. Sono giorni confusi come lo sono le mie idee in testa. Progetti da voler realizzare, sogni da inseguire, futuro da cambiare e conseguenti procedure burocratiche da capire e sistemare. Eh già, è ora che inizi a dirlo. Forse questo sarò l’ultimo anno a Roma. La mia bella, maestosa, ingarbugliata, malandrina, sorprendente, illuminata Roma. Tanto meravigliosa come turista …

Continue reading

Sotto l’albero della Polda

La Cri - 15 dicembre 2016

Non ricordo l’ultima volta che ho scritto una lettera a Babbo Natale. Forse mai, perché da noi si usava mandarla a Gesù Bambino. Lui era l’aiutante di Babbo Natale quando quest’ultimo, con gli acciacchi dell’età, nun gna faceva più. Io non capivo come un bambino appena nato riuscisse a leggere la mia lettera. Si, ok, bimbo prodigio, cammina sule acque, eccetera eccetera, ma dai, a zero …

Continue reading

GENERAZIONE “AWANAWANAUEI”

La Cri - 7 dicembre 2016

Sono nata nel 1986. Appartengo a una generazione strana, ibrida, un po’ disillusa ma cocciutamente sognatrice. Una generazione che all’asilo non viveva l’ estremismo del METODO. Montessoriano o steineriano che fosse. Si stava insieme, ognuno sulla sua sedia con scritto il proprio nome. Si imparava a giocare, litigare, a bisticciare, a cadere di proposito per farsi mettere il mercurocromo o la toppa sui pantaloni. Se non avevi almeno …

Continue reading

PROGRESSI e TRAGUARDI

La Cri - 30 settembre 2016

Il tempo sta passando, i ritmi cambiano e i Poldini crescono. E di progressi in questo mese ne abbiamo fatti un po’ tutti nella famiglia ShaquiPoldis.   POLDINO Due anni e mezzo fatti da poco. Dal non voler masticare ed esser poco interessato a qualsiasi tipo di alimento è passato al supplicare la pappa in toni disperati. Al nido l’hanno messo al tavolo coi mangioni …

Continue reading

A PIEDI NUDI SULL’ERBA

La Cri - 15 settembre 2016

Correre, correre tanto. A piedi nudi ovunque, in casa, sul prato, a volte anche in strada. Ascoltare tanta musica, ballare a ritmo, coinvolgere gli altri nel ballo. Montare una tenda in giardino, fare campeggio in giardino. Andare al parchetto, giocare con la palla, perdere la palla COSTANTEMENTE, cercare la palla. Bere la pioggia, ballare sotto la pioggia. Fare le scale, tante, tantissime scale. Toccare la …

Continue reading