PENSIERI DA OMINOUOVO

ALLE MAESTRE DEI POLDINI

La Cri - 30 giugno 2017

Stamattina è stata come tante altre. Ci siamo alzati, ho preparato la colazione a Poldino fatta di yogurt bianco, miele e biscotti e un biberon di latte a Poldina. Li ho lavati, dopo una notte caldissima passata più a sudare che a dormire e li ho vestiti. Ho sistemato le cose in cucina, ho rifatto i letti e siamo usciti tuttie 4 + 1 insieme. …

Continue reading

CONSIGLI UTILI PER VIAGGIARE LONTANO LONTANO

La Cri - 9 maggio 2017

Amo viaggiare. E mi chiedo chi, se non ci fossero problemi di soldi e lavoro, non farebbe altrettanto. Amo scoprire e andare alla ricerca di posti nuovi. E mi chiedo chi, se non ci fossero stanchezza e preoccupazioni, non farebbe altrettanto. Ma soldi, stanchezza, lavoro e preoccupazioni sono problemi reali, che tanta gente affronta ogni giorno. Inutile raccontarcela. Non sempre VOLERE è POTERE. Le priorità …

Continue reading

COSÌ SIMILI, COSÌ DIVERSI

La Cri - 24 febbraio 2017

  Fratello e sorella, biondi e con occhi azzurri. Entrambi Poldini, entrambi bambini. Entrambi amanti di avventure, entrambi amanti di cani, gatti, dragoni volanti e Shaqui. Due bimbi all’apparenza simili ma di fondo completamente diversi. Lui, un po’ più piccolo della sua età anagrafica. In tutti i sensi. Sia fisicamente che come “tappe evolutive”. Che poi, queste tappe servono solo a mettere ansia, a tracciare una …

Continue reading

LA MIA ISOLA CHE NON C’È

La Cri - 17 febbraio 2017

Carnevale. Una festa per la quale ho sempre avuto sentimenti ambivalenti. Non ho mai ben capito quando inizia e quando finisce. Mi affido alla presenza dei coriandoli sui marciapiedi. Mi piace l’idea dei costumi, ma non tanto quella dei carri e delle “carnevalate”. Ricordo che da piccola mi sono travestita da orso, da Zorro, da cucciolo di Dalmata, da fatina, da Zorro, da orso. L’ho …

Continue reading

IL BARBA – MIO NONNO VIAGGIATORE, MA NON CHIAMATELO NONNO

La Cri - 7 febbraio 2017

Capostipite di una famiglia particolare, caratteristica, a volte grottesca. Fiorentino come pochi, padre di sette figli, di cui sei maschi. Ventitre nipoti, la metà dei quali (tutti non poteva) portava con sé a dormire nei rifugi di montagna. Nessuno lo ha mai chiamato NONNO. Non voleva. É IL BARBA. E quando cercavo di spiegare ai miei amici che avevo un NONNO che si faceva chiamare BARBA e …

Continue reading