avere un cane

DAL DIARIO DI UN DOBERMANN: LA MIA GIORNATA TIPO

La Cri - 17 maggio 2017

ORE 5.30 Ho fame, vorrei una mela. Sbadiglio. Che la giornata abbia inizio, andiamo a svegliare gli umani. Li fisso nell’oscurità come Batman. Li fisso, li fisso li fisso e…niente ao, non funziona. Proviamo con una leccatina. ORE 5.35 Gli umani hanno preso malvolentieri la mia dimostrazione d’affetto. Mi han detto di ritornare a dormire. Sbuffo, sbadiglio e aspetto, osservandoli nell’oscurità. Ho sempre più voglia di mele. …

Continue reading

SE NON CI FOSSI TU

La Cri - 21 gennaio 2016

Se non ci fossi tu non passerei così spesso l’aspirapolvere per casa. Se non ci fossi tu avrei forse la possibilità di bere un tè tranquilla seduta nel mio locale preferito senza il bisogno di stare sempre all’erta, di prendere il tavolo all’angolo, quello con più spazio, e di spostare ogni volta tazze bicchieri e piattini col rischio che tu li faccia cadere. Se non …

Continue reading

CARA PANZONA NUN ME FREGHI

La Cri - 10 settembre 2015

Cara panzona nun me freghi. Sì hai capito bene, ho detto panzona. O te magni un cocomero intero al giorno o quella è una PANZA DA GRAVIDANZA vera e propria. Non ce l’avevi mica quando aspettavi Poldino, ma ora lo so. Ora so cosa nascondi lì dentro. Cara panzona nun me freghi.  Forse credi nessuno se ne sia accorto e forse è davvero così. Ma …

Continue reading

SHAQUI-ISTRUZIONI PER L’USO (Una guida per mamme)

La Cri - 24 aprile 2015

Sono mamma di un Poldino, ma sono anche dobermann munita. Ricordiamolo. Essere contemporaneamente entrambe le cose vuol dire destreggiarsi tra la potenza, l’esuberanza, e la “Pluto-presa” di uno, e la piccolezza, la curiosità verso il NON COMMESTIBILE, la voglia di buttarsi a volo d’angelo dal divano dell’altro. Vuol dire dividersi tra la pappa di uno e i croccantini dell’altro, senza confondere il quadrupede.Vuol dire non parlare più con sè …

Continue reading

SE IL BUONGIORNO SI VEDE DA…..SHAQUI

La Cri - 9 marzo 2015

La mattina diventa più dolce se il tuo cane viene a darti il buongiorno. Shaqui per esempio di solito viene a svegliarti appoggiando la testa vicino alla tua, in modalità ravvicinata, che se apri gli occhi e non ti ricordi che è Shaqui puoi morire d’infarto da un momento all’altro. Aspetta che ti riprendi, che gli fai la solita gratattina dietro le orecchie e poi …

Continue reading